Benvenuti nel nuovo sito web del Collegio IPASVI Bari
Seguici su
 
Chi siamoChi siamo Redazione FilodirettoRedazione Filodiretto Indirizzi UtiliIndirizzi Utili PrivacyPrivacy TrasparenzaAmministrazione trasparente ContattiContatti ContattiNewsletter
 
 
  • (03/10/2017) AVVISO AGLI ISCRITTI: Sospese e annullate le votazioni per il rinnovo delle cariche elettive del collegio IPASVI di Bari    -
  • (09/10/2017) Elezioni IPASVI Bari - Pubblicato sul sito web il verbale elettorale     -
  • (18/01/2016) SI AVVISANO I COLLEGHI CHE LA NUOVA SEDE DEL COLLEGIO E’ IN VIALE SALANDRA 1/L    -
  • 13 OTTOBRE 2017 ELEZIONI IPASVI: DEPOSITATO ATTO DI DENUNCIA-QUERELA ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI BARI     -
  • 24.11.17 AVVISO RIVOLTO A TUTTI GLI INFERMIERI IMPEGNATI NEL SERVIZIO EMERGENZA URGENZA 118 DA OGGI PRESSO LA SEDE E’ DISPONIBILE IL DOCUMENTO INTEGRALE    -
  • Emiliano azzera gli infermieri nel Progetto “Care Puglia 3.0”, dura reazione del collegio IPASVI Bari    -
  • Il collegio IPASVI Bari presenta piano di fattibilità Cdl di Infermieristica Pediatrica presso l’ateneo barese    -
  • LA QUOTA DI ISCRIZIONE AL COLLEGIO ANNO 2017 RIMANE INVARIATA (EURO 58)    -

Sei in > Home > News

ATTACCHI STRUMENTALI ALLA PROFESSIONE SI FACCIA CHIAREZZA CON UN’INCHIESTA

22 novembre 2017

Agli Organi di Informazione Loro sedi

IPASVI BARI E BAT INVITANO GLI INFERMIERI DEL 118

A SOTTOSCRIVERE DOCUMENTO DA INVIARE ALLA

PROCURA DELLA REPUBBLICA:

 

“ATTACCHI STRUMENTALI ALLA PROFESSIONE SI FACCIA CHIAREZZA CON UN’INCHIESTA”

 

Gli Infermieri del servizio 118 di Bari e Barletta - Andria - Trani vanno al contrattacco. E lo fanno, attraverso i loro ordini professionali IPASVI, con la sottoscrizione di un documento nel quale chiedono, alle Procure della Repubblica di Bari Trani, di aprire un’inchiesta per accertare quanto è stato riportato attraverso alcuni servizi giornalisti, in merito ad alcuni disservizi del 118.

La vicenda risale a poche settimane fa, quando è esplosa una vera e propria bomba mediatica, a seguito di un documento inviato dal coordinatore del servizio territoriale 118, Antonio Di Bello ai referenti d’area del servizio di emergenza/urgenza, con il quale si chiedeva di verificare se si fossero effettivamente registrati gravi episodi, addebitati ad alcuni equipaggi del 118.

Tra questi comportamenti, tutt’altro che leciti, venivano riportati anche presunte richieste di denaro da parte degli Infermieri ai pazienti o, caso ancor più grave, situazioni nei quali i Sanitari si sarebbero rifiutati di effettuare interventi in emergenza.

Gli Infermieri del 118 di Bari e Bat e i loro Ordini professionali, rappresentati dai presidenti Saverio Andreula e Giuseppe Papagni, hanno deciso di passare al contrattacco e chiedere alle Procure della Repubblica di Bari e Trani di verificare se è stata aperta un’inchiesta su presunti abusi e omissioni di Medici e Infermieri del servizio 118; di accertare la verità dei fatti per consentire di isolare le cosiddette “mele marce”; ma anche di essere pronti a presentare una denuncia per diffamazione e calunnia nei confronti di chi ha voluto generalizzare la questione, accusando gli Infermieri di prendere soldi dai pazienti.

Ufficio Stampa Collegi IPASVI Bari e Bat

Con cortese preghiera di diffusione e/o pubblicazione

Approfondimenti:

http://www.ipasvibari.it/news.asp?idnews=372

http://www.ipasvibat.it/news/118-sotto-accusa-i-collegi-ipasvi-bari-e-bat-organizzano-unaconferenza-di-servizio

https://bari.ilquotidianoitaliano.com/ichieste/2017/10/news/caos-118-infermieri-e-medici-sottoaccusa-andreula-ipasvi-basta-accuse-generiche-fuori-i-responsabili-177198.html/




© IPASVI BARI 2017 Riproduzione riservata



Condividi su:
NEWS PIÙ LETTE









© IPASVI BARI 2017 - viale Salandra n. 1/L - 70124 Bari - Tel. 080.91.47.070 - P.IVA 80032690721
Federazione Nazionale Infermieri IPASVI Associazione Nazionale CIVES Onlus Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della Professione Infermieristica FEPI - Consiglio Europeo Professioni Infermieristiche Consociazione Nazionale delle Associazioni Infermieri